23 novembre 2018

Nel canale youtube dell'Arciconfraternita è disponibile la registrazione dell'incontro con Mons. Piebattista Pizzaballa

21 maggio 2018

E' disponibile la videoregistrazione dell'incontro

"Curare i malati nella società dei sani"

19 maggio 2018

La videoregistrazione degli incontri:

"I Santi della Carità" e

"Evidenze archeologiche e profili giuridici della rete idrica in Campania"

disponibili nel canale youtube dell'Arciconfraternita. 

Giovedì 17 maggio 2018

Giornata di Studio

"Evidenze archeologiche e profili giuridici della rete idrica in Campania”

14 aprile 2018
Un articolo sul convegno il rischio o la gioia di essere minori
2 maggio 2018

E' disponibile la videoregistrazione dell'incontro "I Santi della carità"

24 aprile 2018

L'Arciconfraternita dei Pellegrini in un servizio di Rai Vaticano

Per visionare il servizio andato in onda nella trasmissione "Viaggio nella chiesa di Francesco" cliccare sul link al canale youtube dell'Arciconfraternita che si trova in basso a destra nella homepage.

Lunedì 30 aprile 2018

I Santi della Carità

Presentazione del libro di Giuseppe Palmisciano

 

La Carità” di Ludovico da Casoria 

Chiesa, cultura e movimento cattolico a Napoli dopo l’Unità d’talia

 

31 marzo 2018

Assemblea Generale Ordinaria

La convocazione dell'Assemblea è disponibile nell'area riservata ai Confratelli

Lunedì 9 aprile 2018

Napoli: il rischio o la gioia di essere minori

Lunedì 9 aprile 2018, Salone del Mandato dell'Arciconfraternita dei Pellegrini, ore 17.30

9 febbraio 2018
Un servizio di Rai Campania sulla giornata inaugurale delle Celebrazioni per il 440° anniversario dell'Arciconfraternita.
7 febbraio2018

Celebrazioni per il 440° Anniversario dell'Arciconfraternita dei Pellegrini

Rassegna Stampa

7 febbraio 2018

Un servizio televisivo sull'apertura delle Celebrazioni per il 440° Anniversario dell'Arciconfraternita

lunedì 5 febbraio 2018

Celebrazioni per i 440 anni dell'Arciconfraternita dei Pellegrini

Lunedì 5 febbraio, ore 17:30, chiesa della Santissima Trinità

5 DICEMBRE 2017

Ospitare i Pellegrini

DIALOGHI CON LA CITTA' 5 dicembre 2017

E' disponibile la videoregistrazione

29 novembre 2017

Un servizio della Rai sul Complesso Museale dei Pellegrini

28 novembre 2017

Natale

con l'Arciconfraternita dei Pellegrini

Martedì 5 dicembre 2017

 

DIALOGHI CON LA CITTÀ 2017

Ospitare i pellegrini

22 novembre 2017

Un servizio di Canale 21 sull'incontro "Una vita per la Giustizia"

17 novembre 2017

Assemblea Generale Ordinaria

lunedì 20 novembre 2017

Cattolici in Politica

Lunedì 20 novembre 2017

13/11/2017

E' disponibile la videoregistrazione dell'incontro del 9 novembre "Una vita per la giustizia"

Giovedì 9 novembre 2017

Giovedì 9 novembre 2017, alle ore 18.00, nel Salone del Mandato, si terrà l’incontro “Una vita per la Giustizia”.

26 giugno 2017

E' disponibile sul sito la registrazione dell'incontro "Dal Sud, per l'Italia".

13 giugno 2017

Un servizio di Rai Vaticano sull'Arciconfraternita dei Pellegrini

27 maggio 2017

Maggio alla scoperta del Complesso Museale dei Pellegrini

5 giugno 2017

Verbale della Commissione Elettorale sull'esito delle operazioni di scrutinio 

Domenica 28 maggio 2017

In allegato si pubblica l'elenco dei candidati eleggibili

agli organi statutari dell'Arciconfraternita dei Pellegrini.

24 maggio 2017

Relazione del Consiglio ai Confratelli

Domenica 28 maggio 2017

Concerto per Organo

di Mónika Ruth Vida

 

 

Venerdì 26 maggio 2017

Presentazione del libro

LA DEMOLIZIONE GIUDIZIALE DELLE OPERE ABUSIVE

Venerdì 5 Maggio 2017

Incontro con Pietro Bartolo e presentazione del libro

"Lacrime di Sale"

Sabato 6 Maggio

Sabato 6 maggio 2017, alle ore 9,30 è convocata l'Assemblea Generale 

Venerdì 14 aprile 2017

Pasqua con l'Arciconfraternita dei Pellegrini

Mercoledì 12 aprile 2017

Concerto di Pasqua

5 aprile 2017

E' disponibile la registrazione dell'incontro "La Memoria fondamento della Pace"

15 marzo 2017

Consegnato nelle mani di Papa Francesco il saio dell'Arciconfraternita dei Pellegrini

30 marzo 2017

La Memoria fondamento della Pace

24 febbraio 2017

Il Complesso Museale dei Pellegrini sul Corriere del Mezzogiorno

Lunedì 30 gennaio 2017

Bando per Direttore Sanitario del Poliambulatorio "Bernardo Giovino"

Mercoledì 25 gennaio 2017

Presentazione del libro "La rete della politica prima"

all'Arciconfraternita dei Pellegrini

22 dicembre 2016

Pubblicata dal quotidiano "Repubblica" una lettera aperta del Primicerio

sulla necessità di non privare la cittadinanza dei servizi assicurati dall'Ospedale dei Pellegrini.

6 dicembre 2016

Natale con l'Arciconfraternita dei Pellegrini

17 dicembre 2016

Assemblea Generale Ordinaria

17 dicembre 2016 ore 9,30

20 ottobre 2016

E' disponibile il video dell'incontro "Verso il referendum costituzionale". Per visonarlo posizionare il mouse sul link seguente e schiacciare il tasto sinistro

 https://youtu.be/9p-QmcyThqg

26 settembre 2016

Verso il referendum costituzionale.

Le ragioni del si e del no a confronto.

Venerdì 6 maggio 2016

IL CONTRASTO ALLE MAFIE

un impegno delle istituzioni e della società

Venerdì 6 maggio 2016, ore 18

Chiesa della SS. Trinità dei Pellegrini

 

Sabato 30 aprile 2016

Assemblea Generale

convocazione

 

Sabato 19 e domenica 20 marzo

Apertura straordinaria del Complesso Museale dei Pellegrini

in occasione delle Giornate FAI

 

Martedì 22 marzo 2016

Concerto di Pasqua

Domenica 13 marzo 2016

L'Arciconfraternita e la Fondazione sulla piattaforma Meridonare

28 gennaio 2016

Essere malati oggi a Napoli

Giovedì 28 gennaio, alle ore 18, incontro promosso dall'Arciconfraternita.

5 gennaio 2016

Concerto dell'Epifania

18 dicembre 2015

Concerto di Natale

con il Coro Giovanile del Teatro di San Carlo

Domenica 4 ottobre 2015

Incontri Domenicali

Domenica 20 settembre 2015

Trasmissione in diretta della Santa Messa domenicale

6 settembre 2015

Riprendono le attività sociali e liturgiche dell'Arciconfraternita

29 agosto 2015

Intervista al Primicerio.

21 luglio 2015

Comunicazione del Primicerio

22 maggio 2015

FEDE E RAGIONE A CONFRONTO

Venrerdì 22 maggio alle ore 17,00 nel Salone del Mandato il quarto incontro promosso dall'Arciconfraternita

17 maggio 2015

Rinnovo parziale delle cariche associative

Verbale della Commissione Elettorale. Seduta del 17 maggio 2015.

Domenica 3 maggio 2015

Vestizione di 13 nuovi confratelli.

28 aprile 2015

L'AMORE FONDAMENTO DELLA FAMIGLIA

Una prospettiva antropologica

Martedì 28 aprile alle 17.30 nel Salone del Mandato il terzo incontro promosso dall'Arciconfraternita

2 aprile 2015
Pubblicate le immagini della liturgia del Giovedì Santo
1 aprile 2015

Il Concerto di Pasqua del 1 aprile.

 

1 aprile 2015

Concerto di Pasqua

Mercoledì 1 aprile alle ore 18,00

nella Chiesa della Trinità dei Pellegrini

Coro Polifonico Universitario "Federico II"

 

Sabato 14 marzo 2015
Ritiro dell'Arciconfraternita all'Eremo dei Camaldoli.
Giovedì 5 marzo 2015
Sono disponibili le immagini dell'incontro "Chiesa, Mondo e Politica" nell'area download di questo sito.
Giovedì 5 marzo 2015

Chiesa, Mondo e Politica

dal Concilio Vaticano II a Papa Francesco

26 febbraio 2015

Serata Conviviale

22 gennaio 2015

Bioetica. Una rivoluzione postmoderna.

Presentato il libro del Prof. Casavola

10 gennaio 2015

"Noi schierati con i più deboli".

Un intervento del Primicerio Vincenzo Galgano sul Corriere del Mezzogiorno.

Martedì 6 gennaio 2015

FESTA DELL’EPIFANIA CON I RAGAZZI DEL “CENTRO PIGNATELLI”.

Giovedi' 18 dicembre 2014
Cantate Domino Concerto di Natale
Sabato 6 dicembre 2014

Ritiro Spirituale

Domenica 16 novembre 2014

Festività di S. Giuseppe Moscati

Sabato 15 novembre 2014
Presentazione del libro di liriche napoletane "Suonno Marinaresco" del nostro confratello Prof. Giulio Mendozza.
Domenica 8 giugno 2014
INSEDIAMENTO ORGANI STATUTARI

RISULTATI ELEZIONI ORGANI STATUTARI
5 e 6 giugno 2014
ATTENZIONE : REVOCATA l'INIZIATIVA PER LA PREVENZIONE STOMATOLOGICA a DATA DA STABILIRSI
15 gennaio 2014
Nuovo STATUTO e REGOLAMENTO
Servizi erogati dal centro sociale di assistenza globale "Fabrizio Pignatelli"


 


Il Duca Camillo di Monteleone
Con testamento pubblico, redatto dal notaio Sallustio di Maria, don Fabrizio aveva nominato erede di tutte le sue sostanze l’opera da lui creata, compresi i territori detti del Bianco Mangiare e della Pigna Secca oltre ad alcune rendite provenienti dal suo patrimonio personale.:"Quella istituisco mia erede (la chiesa di Mater Domini n.t.) dico istituisco per mia universale erede".
Subito dopo la sua morte, il duca Camillo, erede del titolo di Monteleone quale primogenito del duca Ettore II, impugnò il testamento dello zio dichiarandosi unico erede legittimo di quei beni lasciati in dotazione alla chiesa e all’ospedale.
Gli esecutori testamentari di don Fabrizio, onde evitare le lungaggini della lite giudiziaria che avrebbe ritardato ulteriormente la costruzione dell’ospizio, si mostrarono favorevoli ad un accordo.
Al duca Camillo fu trasferita tanta parte del territorio detto biancomangiare quanta ne era stata destinata nel giardino di Via Portamedina alla costruzione della chiesa e dell’ospedale.
Oltre all’amministrazione dei beni dell’ospedale, don Camillo avrebbe dovuto accollarsi l’onere della sua costruzione.
Poco lontano dal luogo in cui doveva sorgere la casa ospitale progettata da Fabrizio Pignatelli, e precisamente nel convento di S.Pietro ad Aram, espletava la sua opera di assistenza e accoglienza dei pellegrini la nuova Compagnia fondata da Bernardo Giovino.
Membri della borghesia cittadina, che il Duca di Monteleone nipote di don Fabrizio avrebbe in seguito definito “un branco di vagabondi e fuggitivi”, provenivano da una deludente esperienza di appartenenza alla confraternita di Santa Maria succurre miseris, “sul bel principio dell’adunanza nacquero alcune differenze tra il Superiore ed alcuni fratelli di quella per la qual cosa otto d’essi se ne dipartirono e di costoro sei furono d’accordo di dar principio ad una nuova compagnia […]”.
La prima riunione del novello sodalizio si svolse il 25 luglio 1578 e in questa sede Bernardo Giovino, mentre gli altri si affannavano nella ricerca del titolo da darsi alla nuova Compagnia, prese la parola dichiarando: “Carissimi fratelli, l’Instituti e i Nomi ch’avete proposti per la nuova Compagnia son’al certo tutti degni d’essere abbracciati […] onde senza pigliarne briga di fondarne un’altra potessimo aggregarci ad alcuna di quelle che già vi sono ora canonicamente erette e fondate […] acciò la novella Pianta, che s’introdurrà nella Vigna del Signore abbia felicemente a crescere, ed avanzarsi conseguiremo, a’ mio credere, l’uno e l’altro col Divino Aiuto se ne disponeremo di fondare la nuova Compagnia sotto il Titolo della SS.ma Trinità con le medesime Regole di quell’eretta, saranno ormai trent’anni, in Roma perché questa Compagnia, oltre che la frequenza de’ Santi Sacramenti et altri Esercizi Sprituali a’ quali con molto fervore attende, tien’anche per suo principale Istituto d’albergare i poveri Pellegrini […]”.
Tutti i presenti concordarono con quanto espresso da Bernardo Giovino, immediatamente designarono due deputati per trattare l’Aggregazione all’Arciconfraternita della SS. Trinità di Roma.. Ma, come spesso accade, il desiderio di Bernardo Giovino e dei suoi non poteva concretizzarsi “se non veniva appresso il mondo sostenuta con l’Autorità di Persona per nascita, e costumi riguardevole”, così si rivolsero al canonico della Cattedrale di Napoli: Don Giulio Cesare Mariconda “qual’alla chiarezza del sangue aggiungeva virtù d’animo in tutto corrispondenti al suo grado e carattere”. Mentre la delegazione guidata dal Mariconda si recava a Roma a trattare la costituzione e l’aggregazione, i confratelli iniziarono la loro opera caritativa con una disponibilità di soli due letti, ospitando e curando i Pellegrini di passaggio per Napoli.
La domanda di aggregazione all’Arciconfraternita della SS. Trinità di Roma dei fratelli della Compagnia fondata da Bernardo Giovino, suscitò l’interesse di Papa Gregorio XIII, che: “efficacemente desiderava che vi fusse in Napoli introdotto l’Istituto di un’opera così buona”. Sotto il suo pontificato, infatti, la chiesa cattolica si stava sforzando di trovare una risposta efficace al problema dei poveri, dei vagabondi, dei mendicanti e dei pellegrini che si riversavano per le strade. Con il breve del 1 febbraio 1581, lo stesso Papa aveva conferito alla Confraternita romana della SS. Trinità dei Pellegrini, fondata d S.Filippo Neri, il compito di organizzare il soccorso ai poveri. I mendicanti riuniti dalla confraternita il 27 febbraio 1581 furono condotti al loro ospizio in una solenne processione descritta da Camillo Fanucci, cronista dell’attività filantropica di Gregorio XIII oltre che testimone oculare della processione: “A capo del corteo c’erano i prelati ed i membri della confraternita della SS.Trinità vestiti di rosso con le candele in mano; seguivano i mendicanti nel primo gruppo disposti a coppie camminavano quelli che potevano muoversi liberamente, dietro di loro c’erano i ciechi, poi gli storpi…” Il corteo trionfale era preceduto dallo stendardo rosso raffigurante la SS.Trinità accompagnato da due grosse lanterne e […] ultimamente erano il Primicerio, Guardiani ed altri Officiali di detta Confraternita”. Non riuscendo a far fronte alle difficoltà finanziarie ed amministrative la Trinità dei Pellegrini chiese presto al Pontefice di liberarla dall’incarico. In questo contesto pervenne la richiesta della Compagnia di Bernardo Giovino.
Gregorio XIII ascoltato il racconto del suo segretario particolare Camillo Capilupo, dal lui stesso inviato a raccogliere informazione sulla nuova Compagnia, fu talmente colpito dall’opera da essi svolta in soccorso dei poveri pellegrini che senza esitazione concesse loro la desiderata aggregazione. Il 18 giugno 1579 si costituiva ufficialmente la Confraternita della SS. Trinità dei Pellegrini e se ne sanciva l’aggregazione a quella di Roma. “Et ebbe principio questa compagnia ed ospedale senza altra rendita che di quella che li veniva somministrata dalla pietà dei fratelli”.
La Compagnia della SS. Trinità e l’ospedale diede inizio alla sua attività, non disponeva di altra rendita se non quella proveniente dalle offerte dei confratelli che ”a proprie spese concorrevano al mantenimento dell’opera ed era così grande il fervore de medesimi che li men agiati di loro portavano per alimento de’ poveri dell’ospedale tutto ciò che si trovava nelle loro case per lo proprio vitto”.
Da questa consuetudine nacque l’esigenza di istituire una “tassa tra fratelli” ciascuno dei quali corrispondeva in beneficio delle casse, mese per mese, la somma che poteva offrire a seconda delle sue possibilità. Il contributo veniva riscosso dal confratello Tesoriere dell’Oratorio, mentre il Camerlengo della Compagnia amministrava il danaro proveniente da donazioni e lasciti.
Il fabbisogno della casa ospitale cresceva di giorno in giorno, pertanto, “questi antichi fratelli supplicarono Mons. Arcivescovo della Licenza d’andar accantonando limosine per la città”.
La patente per la cerca delle elemosine fu prontamente concessa. Inizialmente la questua veniva effettuata da due fratelli che, a turno, si recavano per le strade della città indossando il saio mentre gli altri si occupavano della cura della chiesa e dell’ospedale.
Nel 1581 la Compagnia cominciò ad inviare alcuni Procuratori, costituiti per atto pubblico, autorizzati ad indossare il saio muniti, oltre che della licenza di chiedere elemosine per conto della Compagnia, anche della facoltà di ammettere nuovi ascritti al Sodalizio.
Successivamente i procuratori furono sostituiti da una persona stipendiata dall’ospedale denominata cercante: "et andava il cercante con veste rossa, così come andavano il coco, ed altri della Famiglia dell’Ospedale fra quali v’era altresì una donna col nome d’Ospetaliera che assisteva nel luogo per servizio delle donne peregrine et usava ancor’ella la veste rossa”.
Erano trascorsi cinque anni dalla morte di Fabrizio Pignatelli, e Don Camillo, resosi conto ben presto del notevole impegno che comportava l’amministrazione dell’opera voluta dallo zio propose alla Compagnia della SS. Trinità la fusione delle due organizzazioni: era l’anno 1582. “Ma quanto più saliva di preggio la nostra Compagnia per la gran copia e qualità dei fratelli e per ogni altro riguardo, tanto più si ingelosiva il Duca di Monteleone D. Camillo Pignatelli padrone della Chiesa ed Ospedale di S. Maria dei Pellegrini fondato dal Cavaliere fra D. Fabrizio Pignatelli suo zio considerando che in questo ospedale di suo padronaggio non si esercitava l’opera per la quale era stato eletto e che difficilmente vi si potrebbe introdurre a causa che i Peregrini già tutti concorrevano per essere albergti nell’ospedale della Compagnia dove non da gente mercenaria ma da fratelli che per solo motivo di carità erano amorevolmente accolti e serviti il Duca entrò finalmente in pensiero di cedere alla Compagnia [n. d. r. della SS. Trinità] questo luogo […]”.
La proposta di fusione non venne subito accettato dai membri della Compagnia i quali tenevano in modo particolare all’autonomia della loro istituzione. In breve tempo crearono una com¬missione che avrebbe trattato la fusione con il duca Camillo Pignatelli.
La questione complessa e delicata fu trattata con grande maestria dai confratelli. Dopo intense trattative notarili, il giorno 7 settembre 1582, la Compagnia si trasferì in processione nella Chiesa di S. Maria di Materdomini già detta "dé poveri Peregrini", accom¬pagnata dai Padri Lateranensi e dai frati Cappuccini. L'accordo venne sancito da due Bolle Pontificie la Rigorosa e la Graziosa con le quali si concedeva alla Confraternita dei Pellegrini l'Ospedale e la Chiesa di S. Maria di Materdomini con la facoltà per i fratelli di costruirsi un oratorio dove riunirsi ..così che si ebbe sin dall'inizio un oratorio dove riunirsi per gli Uffici Divini nei giorni feriali”.

Breve di Pio IX per la concessione dell’indulgenza plenaria agli appartenenti al Sodalizio (1857)
Lapide marmorea in memoria della “vestizione” di RE UMBERTO DI SAVOIA 30 marzo 1932Marble plaque in memory of "dressing" of King Umberto of Savoy March 30, 1932
Monumento di Fabrizio Pignatelli M.Naccherino 1590 Chiesa di S.Maria Mater Domini
Ritratto di Don Decio Caracciolo Ignoto napoletano XVII Sec. Salone del Mandato
Monumento a Maria Luisa Colonna di Stigliano Chiesa di S.Maria Mater Domini
Monumento a Vincentio Campione Complesso museale Arciconfraternita